Patologie Fisioterapiche Trattate

  • Alluce Valgo: deformazione a carico dell’articolazione metatarso-falange del piede, caratterizzata da deviazione laterale dell’alluce. Questa deformazione ossea è di solito associata a un’infiammazione della borsa mucosa che si trova alla base dell’impianto dell’alluce stesso. 

  • Artrosi: condizione clinica dovuta all’usura e all’invecchiamento delle articolazioni, che colpisce soprattutto le sedi più sottoposte al carico, cioè le anche, le ginocchia e la colonna vertebrale; più raramente può riguardare anche le articolazioni di mani e piedi.
  • Borsiti: condizione dolorosa che interessa le piccole sacche ripiene di liquido, chiamate “borse”, che proteggono le articolazioni e anche altre parti anatomiche. Le borse più esposte al rischio di infiammazione sono quelle della spalla, del gomito, del ginocchio e dell’anca. 

  • Brachialgie: condizioni dolorose o di intorpidimento sensoriale, debolezza muscolare nell’area dell’arto superiore che può coinvolgere anche la zona cervicale. Solitamente la brachialgia è associata ad una situazione di sofferenza del plesso brachiale.

  • Cefalea: dolore a qualsiasi parte del capo (incluso viso, interno del cranio e cuoio capelluto) o alla parte superiore del collo primitiva o secondaria ad aspetti neuromuscolari.
  • Cervicalgia: dolore al livello del collo che si può irradiare alle spalle (trapezi) e, nei casi più gravi, alle braccia, rendendo difficoltosi i movimenti.

  • Cifosi: anomalie della colonna vertebrale diffusa, che si aggrava soprattutto nel periodo della crescita. Può avere cause e caratteristiche differenti: essere un problema di postura in alcuni casi, in altri una vera e propria patologia.

  • Colpo di frusta: trauma più comune del rachide cervicale e si verifica in seguito ad un brusco movimento del tratto cervicale in iperflessione o in iperestensione. Le cause possono essere diverse: trauma sportivo, caduta e incidente (es: automobilistici).
  • Condropatia: malattia che coinvolge la cartilagine. La natura di una condropatia può essere post-traumatica, degenerativa oppure infiammatoria.

  • Contrattura muscolare:  lesione muscolare provocata dalla contrazione involontaria e improvvisa di uno o più muscoli  sollecitati con un carico eccessivo e che va oltre il  limite di sopportazione fisiologico. Si manifesta con la comparsa di rigidità e aumento del volume (ipertonia) delle fibre muscolari coinvolte, apprezzabile alla palpazione.

  • Cruralgie: condizione dolorosa riguardante la faccia antero-mediale della coscia, area innervata dal nervo femorale.  Tale condizione si associa a volte al mal di schiena, in tal caso il dolore viene percepito anche a livello lombare e la patologia viene definita lombocruralgia.
  • Distorsioni: danno a un’articolazione provocata da un trauma con allungamento o rottura dei legamenti. Le cause del trauma sono, perlopiù, dovute a movimenti bruschi di torsione e rotazione, solitamente durante una pratica sportiva o lavorativa. Caviglia, ginocchio e spalla sono, in ordine decrescente, le articolazioni più frequentemente colpite da distorsione, anche se tutte le articolazioni del corpo possono essere interessate.
  • Dito a scatto: patologia infiammatoria che interessa i tendini flessori delle dita con difficoltà nel movimento . 

  • Dorsalgie: condizione dolorosa localizzata che interessa la regione dorsale o toracica della colonna vertebrale, tra la base del collo ed il diaframma, (tra le vertebre dorsali D1-D12 o toraciche T1-T12).
  • Dorso Curvo o “ipercifosi”: accentuazione della curva fisiologica della colonna vertebrale che si verifica quando vengono superati i valori angolari definiti per la popolazione normale (maggiore di 40°-45°).

 

  • Epicondilite: disturbo a carico del gomito dovuto alla degenerazione di un tendine  a livello della sua inserzione ossea  sull’epicondilo omerale. Questa condizione provoca la perdita di elasticità del tendine e, dunque, compromette i movimenti del polso e del gomito.

  • Epitrocleite: infiammazione a carico dei tendini del gomito che provoca la perdita di elasticità del tendine e, dunque, compromette i movimenti  del gomito.

  • Ernia del disco: condizione che può essere molto dolorosa e si verifica quando la parte gelatinosa tra le singole vertebre della colonna vertebrale fuoriesce dalla sua sede naturale e, infilandosi tra i dischi, provoca un’infiammazione dei nervi.

  • Fascite plantare: infiammazione del legamento arcuato e colpisce, in particolar modo, gli sportivi.

  • Fibromialgia: Stati dolorosi legati a questa condizione di dolenzia diffusa muscoloscheletrica, articolare con affaticamento ed astenia. 

 

  • Gonalgia: sintomatologia dolorosa localizzata in una o più parti del ginocchio indipendente dal sesso e dall’età. Può derivare da affaticamento, traumi o patologie che colpiscono questa articolazione.

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

  • Lombalgia: condizione dolorosa di carattere muscolo-scheletrico che interessa i muscoli e le ossa della parte inferiore della schiena, ovvero la regione lombare. Può definirsi  Lombalgia acuta; Lombalgia subacuta Lombalgia cronica in base alla durata dei sintomi.

 

  • Lombosciatalgia: dolore da infiammazione dovuta alla compressione del nervo sciatico, da qui il termine sciatalgia,  ch può estendersi dalla zona dei lombi, ai glutei, alla coscia fino al piede.
  • Metatarsalgia: patologia dolorosa dell’avampiede, determinata da un appoggio scorretto delle ossa del piede al suolo, che comporta un’eccessiva distribuzione del peso del corpo sui metatarsi, con la formazione di callosità sulla pianta dell’avampiede. 

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

  • Periartrite: processo infiammatorio generalmente cronico di una articolazione. L’infiammazione può riguardare più elementi, quali tendini, legamenti, e strati di cartilagine.

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

  • Scoliosi: deformità tridimensionale della colonna che in base all’età di prima rilevazione viene definita infantile (fino a tre anni), giovanile (dai tre anni fino alla pubertà), adolescenziale (dalla pubertà fino alla completa maturità ossea),  dell’adulto.

  • Sindrome del tunnel carpale:  infiammazione dei tendini  che attraversano un canale del polso e che vanno dall’avambraccio alla mano. L’aumento di pressione sul nervo o il suo schiacciamento sono all’origine di questa sindrome.

  • Spondilolisi: alterazione della morfologia del colonna lombare che consiste nell’interruzione di continuità tra le vertebre.

  • Spondilolistesi: condizione di scivolamento in avanti sul corpo della vertebra sottostante della vertebra sovrastante. 

  • Stenosi del canale vertebrale lombare:  riduzione del diametro del canale vertebrale con graduale compressione e sofferenza del midollo spinale e delle radici nervose. Raramente è una caratteristica congenita, più frequentemente è acquisita nel tempo. 

  • Tallonite: stato doloroso che interessa il tallone dovuta a diversi fattori. In genere colpisce gli sportivi e le donne in gravidanza per un’alterazione della postura e del peso corporeo, ma può essere anche la conseguenza di problemi reumatici o frattura.

  • Tendiniti: infiammazione di un tendine, ovvero della struttura che collega le ossa ai muscoli, permettendo il movimento delle articolazioni. E’ caratterizzata da dolore e tumefazione locale e difficoltà alla mobilizzazione dell’articolazione coinvolta.

  • Torcicollo: infiammazione che provoca un disturbo di natura muscolo-scheletrica che interessa il collo e in sua presenza è difficile compiere movimenti di flessione, estensione e rotazione.

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

  • Vertigini: condizione patologica di movimento illusorio, ovvero la sensazione di un movimento che non esiste, pur stando perfettamente fermi. É un fenomeno passeggero di durata variabile che può cogliere all’improvviso, in qualsiasi momento e puo essere ripetuto o isolato.

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.